Assente giustificata

Ci risiamo, io ci provo con tutta me stessa a garantire continuità al blog ma poi la vita reale mi tiene troppo impegnata per assicurare costanza in quella virtuale.
Stavolta però sono assente giustificata perché sto lavorando a un progetto importante che al momento assorbe tutte le mie energie e il mio tempo.
Qualcuno di voi che mi segue su Facebook lo saprà già per altri ecco qui in anteprima qualche informazione sul mio manuale sull’editoria! Continua a leggere

Guardie e ladri di Luca Pagnini. Un po’ suo e un po’ mio

Guardie-e-ladri

In questi giorni è uscita la raccolta di racconti Guardie e ladri di Luca Pagnini, edita da Edizioni La Gru (qui tutte le info per saperne di più e acquistarla).
Potrebbe sembrare una raccolta come tante e una segnalazione come altre già fatte sul blog ma in verità non lo è perché la storia di questo volume mi coinvolge personalmente.

Io Luca lo conosco. E non sto parlando di quelle amicizie generiche che nascono, crescono e muoiono sulla rete, dove ci si conosce un po’ tutti ma non si è davvero amici di nessuno. Ecco, Luca è un amico, lo è diventato nel tempo. E alle lunghe chiacchierate sulla scrittura digitando su una tastiera sono seguite quelle davanti a una birra o a cena o a una fiera. Reali insomma. Continua a leggere

Chi va con lo zoppo…

Che io possa scagliarmi a muso duro contro la piaga dell’editoria a pagamento, non è una novità per nessuno. Che possa prendermela apertamente con editoruncoli più o meno truffaldini o scrittorini che ci sono e ci fanno, anche. Ma oggi ho letto qualcosa che mi ha davvero stupita, un articolo scritto con una tale verve e acutezza che – mannaggia – mi spiace quasi di non essere stata io a scriverlo!

Eppure, diciamo, che se i panni sporchi si lavano in famiglia in questo caso la partita si gioca in casa. In pratica io sarei lo zoppo… e l’autore del post di cui parlo è quel Daniele Picciuti con il quale condivido qualcosa in più che la semplice passione per la parola scritta. Quell’individuo che spesso mi sono presa la briga di apostrofare come il perfetto concentrato di tutte le psicopatie dell’autore. Uno che la scrittura ce l’ha nel sangue, e se credete che io sia di parte basta vedere quello che si dice in giro sul suo conto e sulla sua penna (Una citazione tra tutte è quella di Barbara Baraldi che qui  lo annovera tra le  promesse del fantastico italiano).

Continua a leggere

Scrittura vs editing

Buongiorno amici, reduce da un’influenza che si è aggiunta ad altri mali più o meno stagionali, fiaccandomi non poco, torno a voi. Sono tante le cose che avrei da dirvi ma non voglio tediarvi con post lungherrimi quindi ve le diluirò nel tempo.

In verità stamattina volevo parlarvi di libri, di un libro, ma mi sono svegliata con un pensiero fisso che probabilmente mi porterà da tutt’altra parte. Continua a leggere

Prossimamente in tutti gli store on line ovvero della distribuzione libraria

Eccomi qui, so che vi siete preoccupati della mia assenza prolungata e so che non sarei dovuta sparire per tutto questo tempo visto che voi siete la mia linfa. E ringrazio chi in privato si è posto il problema di dove fossi finita, chi si è impicciato dei fatti miei, chi si è preoccupato che avessi deciso di mollare tutto e darmi alla macchia. Niente paura, nulla di tutto ciò, cioè, alla macchia ci ho pensato, a sparire pure, a mollare questo mondo logoro e frustrante che è l’editoria poi ci penso ogni giorno. Ma alla fine ritorno sempre. Come alle cose che si amano e si odiano allo stesso tempo.

Ecco, fatta la parentesi da zia rediviva e un po’ patetica torniamo a noi che il tempo da recuperare è tanto e le cose da dire anche di più. Continua a leggere